Chiedi a Candy
Torna al blog

Cosa significano i simboli sulle etichette dei vestiti?

I simboli delle etichette

Situazione tipica: hai comprato un nuovo capo e, prima di indossarlo, tagli l’etichetta con le indicazioni di lavaggio e dai una veloce scorsa: ecco, prima di buttarla serve leggerla con attenzione. Vediamo cosa significano i simboli riportati e come si associano ai relativi programmi di lavaggio.

Partiamo dalle basi: l’etichetta

Un lavaggio corretto è il primo segreto per fare durare più a lungo un indumento e non rovinarlo al primo giro in lavatrice. Ogni etichetta presenta una serie di simboli che informano sulle modalità di lavaggio e sulla cura del capo. Se il capo è composto da diversi materiali, è meglio attenersi alle istruzioni relative al tessuto più delicato.

I simboli principali

L’etichetta suddivide metodi e fasi di lavaggio associando, a ognuna, un diverso simbolo. Vediamo i simboli base.

  • Bacinella: lavaggio con acqua
  • Cerchio: lavaggio a secco
  • Triangolo: candeggio
  • Quadrato: asciugatura
  • Ferro da stiro: stiratura

I simboli del lavaggio con acqua

I seguenti simboli indicano il lavaggio a mano o in lavatrice e possono venire combinati tra di loro per dare indicazioni più approfondite. Importante: la linea indica sempre la necessità di lavare in modalità delicata.

Bacinella con la X: non lavare in acqua.

Bacinella: lavaggio a mano e in lavatrice.

Bacinella + linea: la linea indica il lavaggio a velocità ridotta, con programmi delicati (risciacquo a bassa temperatura e centrifuga breve).

Bacinella con mano: lavaggio a mano, risciacquo normale e centrifuga delicata.

Bacinella + N°: lavaggio in lavatrice, il numero indica la temperatura massima dell’acqua.

 

I simboli del lavaggio a secco

I seguenti simboli sono relativi al lavaggio a secco e possono venire combinati tra di loro per dare indicazioni più approfondite.

Cerchio con la X: lavaggio a secco non consentito.

Cerchio: lavaggio a secco con tutti i tipi di solvente.

Cerchio + linea: lavaggio con precauzione per possibilità di restringimento.

Cerchio + A: lavaggio con tutti i solventi in uso.

Cerchio + F: lavaggio con idrocarburi e trifluoro-tricloroetano.

Cerchio + P: lavaggio con percloroetilene, dissolventi clorati ed essenze minerali.

Come Cerchio + P ma con precauzioni nel lavaggio.

I simboli del candeggio

Triangolo con la X: non candeggiare

Triangolo: indumento candeggiabile con qualsiasi candeggio

Triangolo + Cl: indumento candeggiabile con prodotti al cloro.

 

I simboli dell’asciugatura

I simboli sono precisati dall’uso dei pallini che possono comparire all’interno del cerchio: un pallino indica asciugatura con programma delicato; due pallini significano asciugatura normale.

Quadrato: indumento asciugabile in asciugatrice.

Indumento non asciugabile in asciugatrice.

 

I simboli della stiratura

I simboli sono precisati dall’uso dei pallini che possono comparire all’interno del ferro da stiro.

 

 Ferro da stiro: il capo può essere stirato.

Ferro da stiro + 1 pallino: temperatura massima 110°C, preferibilmente senza vapore.

Ferro da stiro + 2 pallini: temperatura massima 150°C.

Ferro da stiro + 3 pallini: temperatura massima 200°C.

Non stirare

 

I simboli sulle etichette dei vestiti possono aiutarci a scegliere il programma di lavaggio corretto?

Le etichette sui vestiti possono indicarci le impostazioni da controllare e regolare, come ad esempio: il movimento del cesto, chiamata anche azione meccanica (che può essere normale o ridotta), il risciacquo (normale o a temperatura ridotta) e la centrifuga (normale o breve).

Per quanto riguarda l’impostazione del lavaggio bisogna fare riferimento ai simboli e all’eventuale linea che può comparire sotto la bacinella che indica il tipo di programma ideale.

Vediamo insieme i vari tipi di linea:

  • nessuna linea: il capo può essere lavato alla velocità massima con il programma cotone. Azione meccanica normale, risciacquo e centrifuga normali.
  • una linea: il capo può essere lavato a velocità media con il programma sintetici. Azione meccanica ridotta, risciacquo a temperatura decrescente e centrifuga ridotta.
  • due linee: il capo può essere lavato solo con il programma lana a velocità minima.

Per ogni tipo di tessuto è buona norma evitare le temperature eccessive, tenendo conto di queste semplici regole:

  • il cotone colorato deve essere lavato separatamente;
  • gli abiti foderati e la seta vanno lavati sempre a sacco;
  • la lana non va lavata a temperature troppo alte (mai superare i 40°); è inoltre fondamentale inserire pochi capi alla volta nel cestello e utilizzare una centrifuga breve e un’azione meccanica ridotta. La lana può inoltre deformarsi se viene appesa quindi è sempre consigliabile stendere i capi di lana in orizzontale e lontano da fonti dirette di calore.

Seguendo i nostri suggerimenti sarà possibile mantenere i capi nuovi più a lungo e il momento della lavatrice sarà un’occasione per “coccolare” i nostri abiti e non più una pericolosissima roulette russa! 

16/04/15
Categorie: